2
Ott

AFTERHOURS: HAI PAURA DEL BUSINESS?

 Pubblicato su Shiver Magazine il 29 luglio 2014

Afterhours

BRESCIA 23 LUGLIO 2014.

Concerto Afterhours in occasione dell'uscita del celeberrimo disco datato 1997 Hai paura del buio? versione remastered and reloaded, che ha visto la collaborazione in studio di vari artisti di spicco della musica italiana e internazionale. Della formazione originale della band ritroviamo on stage, oltre all'incontrastato leader Manuel Agnelli (voce e chitarra), Xabier Iriondo (chitarra) e Giorgio Prette (batteria); si aggiungono i membri attuali Giorgio Ciccarelli (chitarra e tastiere), Roberto Dell’Era (basso) e Rodrigo D’Erasmo (violino).

Per recensire “Hai paura del buio?”, creatura sinistra di Manuel Agnelli, forse basterebbe fare un copia e incolla di un qualunque articolo recente o datato 1997: critici più o meno influenti usano ed hanno quasi sempre usato le stesse definizioni: 'capolavoro indiscusso', 'la più importante opera del rock indipendente italiano degli ultimi vent'anni' , 'band che ha cambiato la musica italiana', 'testi che sono un pugno nello stomaco' (che la critica musicale sia un po' a corto di termini?) e chi scrive promette di tenere conto di tanta magniloquenza.

Veniamo alla serata. Al cielo plumbeo nella bella cornice di Piazza della Loggia che non promette niente di buono si aggiunga una presenza di pubblico inferiore alle aspettative (dati non confermati parlano prima di 500, poi di 300, infine di 900 presenze, fatto sta che la piazza è per due terzi vuota); comprensibile quindi un certo nervosismo da parte di Manuel Agnelli e dei suoi, che salgono inaspettati sul palco con dieci minuti di anticipo.

Gli Afterhours in Piazza della Loggia

Gli Afterhours in Piazza della Loggia

Al via l'esecuzione integrale delle 19 tracce di “HPDB?”, sciorinate frettolosamente una dietro l'altra senza intermezzi. Il grunge sporco irrompe assordante nella piazza, la maggior parte dei brani esplode in urla rabbiose più che in canto, accompagnate da un delirio di suoni schizofrenici; alla 'regia' del suono Xavier, giustamente definito manipolatore sonoro per il notevole eclettismo. Solo durante gli inconfondibili riff di “Rapace” e di “Voglio una pelle splendida” i fans riescono a seguire il cantato. Peccato che i colleghi intervenuti nel disco siano tutti assenti dalla performance live bresciana. Durante l'ascolto di una gran bella canzone come “Pelle” impossibile non fare il paragone con la versione aggiornata di Marc Lanegan il quale, cantando in italiano, più che a un rocker maledetto somiglia a Mal. Strano anche immaginare in questa orgia musicale una versione di “1.9.9.6.” cantata dalla vocetta di Bennato. con tanto di bestemmia censurata.

L'aggressività di “Terrorswing”, undicesima traccia dell'album, viene suonata esibendo delle assurde quanto ridicole maschere di cane: il senso non l'ho capito, probabilmente è un mio limite. L'ultima traccia “Mi trovo nuovo” chiude il revival dopo soli 50 minuti dallo start up, e di botto si ha come l'impressione che il live volga già al termine.

Invece si apre una seconda fase della serata, divisa in tre parti: dopo la tracklist di “HPDB?” ecco riapparire i sei sul palco per suonare alcuni brani tratti dall'album Padania, lasciando al finale (il classico bis, per intenderci) i classici più recenti e riconoscibili dalla platea, frutto di una sacrosanta evoluzione musicale, a dimostrazione del fatto (consentitemelo) che questa band così alternativa dia il meglio di se quando abbandona l'eccessiva sperimentazione ed i testi troppo aggressivi.

E sul finale arriva insperato un timido ringraziamento dell'indiscusso leader (“Grazie per essere venuti e soprattutto per essere restati”) che si sa essere avaro di sorrisi, ringraziamenti e presentazioni degli altri componenti della band. Il bilancio della serata, e del tour più in generale, può prestarsi a diverse chiavi di giudizio: auto celebrazione per i detrattori, abile mossa di marketing per i fans più intransigenti, gradito ritorno per i più affezionati.

(di Agatha Orrico)

*

 

Sito ufficiale Afterhours