Brescia, 28/02/2016 – Arrivo a Brescia ieri notte tra vento, freddo, acqua incessante. Mi rifugio al Mister O, graziosissimo pub gestito dal simpatico Ruben. C’è un cantante, si chiama Andrea Van Cleef. La voce calda e baritonale si infiltra tra raffinati assoli di chitarra che scaldano immediatamente l’atmosfera e mi dimentico del freddo e della pioggia. Andrea canta canzoni sue- una più bella dell’altra – spaziando dal country al classic rock. Come per magia mi trovo in un universo parallelo dove Kobain, Jim Morrison e Johnny Cash si tengono a braccetto. Esco contenta dopo aver ascoltato uno tra i più talentuosi artisti che abbiamo in Italia.

 

 

Leggi anche la recensione su Alessandro Sipolo

 

This Post Has Been Viewed 5 Times


Agatha

Giornalista free-lance Web Journalism Editor e Correttore bozze Collaborazione con rivista letteraria Storie - Roma Recensione dischi e Live per Magazine Shiver Un Fachiro al Cinema Magazine critica cinematografica Articoli viaggio per casa editrice Viaggi Milano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.