2
Dic

ATTENTATI: CHI LA DICE LA VERITA'?

°

Dicembre 2016 - Avevo intenzione di chiudere l'anno in modo frivolo e di non scrivere più niente di 'serio' ma mi capita di leggere i giornali, e allora inorridisco a leggere certi rincoglioniti che sentenziano e talvolta preferirei quasi non saper leggere. Mi pongo un sacco di domande e se c'è qualcuno che può rispondermi, beh sono pronta ad ascoltarlo.

 

Che sta succedendo nel mondo? Perchè tutti questi attentati? Bisogna fare un salto indietro di 15 anni, a LA DATA, all'11 Settembre del 2001. Una data che non ci verrà mai concesso di dimenticare, ma che ha anche un significato che va ben oltre alle vittime, ai film, ai dibattiti, alle commemorazioni. Dopo quel giorno? Viene dichiarata guerra al terrorismo islamico, scaturito con la guerra in Afghanistan e la riapertura di un lager a Guantanamo. E sono cominciati anche gli attentati all'Occidente, che hanno posto l'islam al primo posto tra i più temuti mostri cattivi dei nostri sogni.

Eppure, riguardo a questi ultimi, qualcosa non torna, ad unire tutti questi attentati e questi attentatori che vengono in Occidente pare ci sia un comune denominatore. Forse avranno anche loro un manuale, come quello delle giovani marmotte, che li spinge tutti a ripetere sempre gli stessi sbagli? Mah...

 

Facciamoci delle domande:
1) Perchè i terroristi non vengono MAI catturati vivi ma muoiono sempre in qualche sparatoria? Non sarebbe stato meglio interrogarli e carpire importanti informazioni?

 

2) Perchè questi terroristi, che passano anni camuffati nel più totale anonimato, al momento delle stragi dimenticano sempre i loro documenti? Se prendiamo gli attentati più eclatanti, come lo schianto di 2 boeing, il crollo di 2 grattacieli (11 settembre) o l'abbattimento dell'aereo ucraino, precipitato per 10.000 metri con tanto di schianto e incendio, com'è possibile che 'sti benedetti documenti siano sempre perfettamente illesi e rintracciabili invece di bruciare tra le fiamme?

 

3) Perchè ogni musulmano, prima di passare all'aldilà, con quel poco fiato che gli resta in gola grida sempre "Allah Akbhar" e soprattutto perchè c'è sempre qualcuno che può testimoniarlo?

 

4) Perchè questi terroristi sono tanto maldestri e stupidi che, invece di far esplodere qualche punto strategico, una base militare, o un comando di polizia, colpiscono solo civili, sapendo bene di alimentare ulteriormente il sentimento di odio verso i musulmani da parte dell'occidente?

 

5) Perchè nell'era degli iPhone esistono foto dello tsunami in arrivo ma non esistono foto degli attentatori scattate da qualche sopravvissuto alle stragi, vedi ad esempio al Bataclan, gremito di ragazzi con telefonino in mano?

 

6) Perchè nonostante i più dispendiosi e sofisticati servizi di sicurezza americani non si riesce a prevenire attentati messi in atto, guarda caso, da gente già indagata e conosciuta dai servizi segreti?

 

7) E poi. Perchè ogni volta che il mondo si concentra su qualche catastrofe o guerra o ingiustizia o nefandezza - Aleppo? tanto per citarne una recente - puntualmente qualche terrorista islamico colpisce dei civili in Europa, deviando l'attenzione dei media?

 

Quello che accade in Siria è un vero e proprio genocidio, ma come si è arrivati a questo? I bombardamenti francesi sono iniziati 48 ore dopo l'attentato alla redazione di Hebdo (anche lì i passaporti degli attentatori sono stati subito trovati) e il resto è storia. Sarà una coincidenza che la Siria non ha Banche dei Rothschild, non ha dato accesso alla Banca mondiale del debito, ha bandito i prodotti ogm, si oppone al solito noto Israele e, dulcis in fundo, possiede enormi risorse di petrolio e gas? Forse. E ora hanno pure il fosforo bianco, grazie alle bombe della nostra strana e assurda democrazia.