9
Gen

AVENGED SEVENFOLD - Mediolanum Forum Assago 23/11/13

La formazione attuale degli Avenged Sevenfold

La formazione attuale degli Avenged Sevenfold

 

*

23 Novembre 2013

Si è tenuto al Mediolanum Forum di Assago (Mi) il concerto degli Avenged Sevenfold, acclamato ritorno in Italia della band, evento che non rischia certo di passare inosservato.

Nel palazzetto addobbato da striscioni - tra i quali uno raffigurante il bassista detto “Johnny 4 pope”-  si sono scatenate le 2 band supporter: gli Avatar, che hanno scaldato il pubblico con il metal pesante a ritmo di headbanging, ed i Five Finger Death Punch , che hanno alternato il metal feroce di "Burn" alla melodica “Company” , accompagnate dalla luce di accendini e telefonini.

L'attesa che ha preceduto l'esibizione degli headliner,  sottolineata dalle musiche di Iron Maiden e Metallica, è culminata in un appassionante coro intonato dalla platea sulle note di "Back in black".

Finalmente ha inizio il concerto annunciato da un rintocco di campane, le luci si abbassano ed un oceano di cellulari immortala l' ingresso dei tanto attesi protagonisti. Parte un riff lento e ammiccante che sarà il preludio del brano che fa esplodere il Forum in un boato.

Il brano di apertura "Shepherd of fire" da il via alla serata con la potenza di un un carro armato, seguito dalla tetra melodia d'organo di "Critical acclaim" e da una versione rallentata di "Welcome to the family". Il pubblico canta non perdendosi una sola nota.

Shadows legge lo striscione appeso a pochi metri dal palco con la scritta 'If Johnny could be your Pope he can also be your king', introducendo così la mitica "Hail to the king".

Da lì è un susseguirsi di pietre miliari: "Buried alice", "After life" e l'inaspettata quanto apprezzata "Fiction", dedicata al defunto batterista Jimmy 'the rev' Sullivan. A seguire i brani del nuovo album "Doing time" e "Thus Means war".

Ha inizio una lunga e snervante jam session del chitarrista Gates che precede la parte conclusiva del concerto dove vengono eseguite "Requiem", "Bat country" e le encorse "Chapter four" e "Unholy confession"

Lanci di bacchette da parte del batterista Arin annunciano la conclusione del live che salutano, con un arrivederci in estate, un pubblico esausto ma decisamente entusiasta.

(di Julian Polonioli)

 

 

Guarda il video di "Hail to the king"

 

Official Website Avenged Sevenfold

 

Leggi anche l'articolo sui Lacuna Coil