23
Feb

DONNE SULL'ORLO DI UNA CRISI DI BOTOX (MA A NOI DONNE NON E' PIU' CONCESSO INVECCHIARE?).

"Non mi dispiace invecchiare: è un privilegio negato a molti".

donna-anziana (1)primo-piano-anziana1259525676bpaura-invecchiare-620x350Corbis-42-38178947-300x200Donna-Anzianadonna_anziani-knYE--258x258@Quotidiano_Sanita-Web

*

Il criterio prioritario nel giudicare una donna passa oggi attraverso standard stabiliti perlopiù da un punto di vista maschile. Essere donna oggi significa spesso intraprendere una battaglia costante con la propria immagine. Pare diventato prioritario essere sempre sexy, assoggettandosi inevitabilmente all’approvazione maschile.

Per fortuna la maggioranza delle donne riesce a sottrarsi al circolo vizioso di essere giudicate ed esaminate per il proprio involucro, ma altre rimangono incastrate in questo ruolo che le vuole perfette e perennemente disponibili.

Il tempo nel quale ci veniva concesso di invecchiare in santa pace pare un lontano ricordo e la vecchiaia oggi viene affrontata alla stregua di un cancro da estirpare. La pubblicità ci rincoglionisce di orde di sessantenni levigate e ultra felici, ancora perfettamente in grado di sedurre. Fa niente se poi si scopre che per essere tali abbiano fatto di tutto per allungare artificialmente la loro gioventù investendo una fortuna in chirurgia plastica invasiva e botox, come pure relativo è il fatto che siano tutte schifosamente ricche e in carriera. Quando così non è ecco che arriva photoshop in aiuto.

Ma 'anziane giovani' riescono ancora ad essere belle ed attraenti allo sguardo maschile, perchè alla fine è sempre quello che una donna - nel 2016 - deve continuare a dimostrare. C'è chi da la colpa di tutto questo a noi donne, all'emancipazione, alle pari opportunità, quasi come se questa fosse una scelta del tutto soggettiva. E per certi versi lo è. Ma che sia strizzata in un push-up o coperta da uno scafandro, cosa cambia? Chi ha stabilito queste regole alla fine è pur sempre il maschio.

La realtà è che attraverso lo sguardo maschile ogni femmina è un potenziale oggetto sessuale.

Se imparassimo ad accettare con naturalezza lo scorrere del tempo, a guardarci con i nostri occhi e non con quelli di un uomo, capiremmo che questa non è altro che una stupida lotta, da qui all'eternità, contro noi stesse.

(di Agatha Orrico)