25
Gen

Le due facce dell'Islam.

croce-e-mezzaluna

 

 

20.01.2015 

Se dovessimo aggiungere un'altra vittima a quelle cadute sotto l'orrore messo in atto il 7 gennaio scorso nella redazione Charlie Hebdo di Parigi, probabilmente questa sarebbe proprio l’Islam stesso.

E' indubbio che dopo le barbare uccisioni nel cuore della capitale francese 'in nome di Allah', la già fragile convivenza tra la croce e la mezzaluna - leggo da statistiche 1,7 milioni in Italia e oltre 15 milioni in Occidente di musulmani - rischia veramente di sgretolarsi trasformando una già frangibile tolleranza in un nocivo astio. Proprio ora che un piccolo spiraglio di comprensione pareva intromettersi nelle nostre diffidenti coscienze occidentali, proprio adesso che qualcuno pareva interessato a conoscere qualcosa di più su veli e moschee...

Ecco che le 16 uccisioni francesi ricoprono come un vergognoso manto nero qualsivoglia speranza di dialogo e fusione. Penso a migliaia di stranieri che calpestano con noi le stesse città e che (e dovrei considerare sociologicamente idiota doverlo ricordare ma lo faccio) pur pregando Allah, non pensano di uccidere nessuno.

L'immagine del killer mentre spara a Ahmed Merabet

L'immagine del killer mentre spara a Ahmed Merabet

Assurta a simbolo mediatico dell’attacco alla redazione parigina l'immagine dell'attentatore che spara senza pietà al poliziotto già a terra.  Ahmed Merabet era musulmano e immagino fosse più praticante del killer che l'ha ignobilmente ammazzato a sangue freddo. Da quello che è stato riportato dalla stampa pare che Merabet fosse, senza volerne per forza fare un eroe, molto religioso e anche perfettamente integrato, tant’è che si era scelto la divisa da poliziotto.

E allora voglio trovare in questa immagine uno spunto di riflessione.

Quella in particolare NON è l'immagine dello scontro tra Islam e Occidente, corano e bibbia, musulmani e cristiani. Quella è l'immagine di uno scontro interno alla comunità islamica stessa, tra la parte pacifista e quella guerrafondaia.

Insomma cosa può essere quella se non la nitida rappresentazione dello scontro tra due modi completamente diversi di vedere la stessa cosa...? Non sono forse queste le due facce dell'Islam?

(di Agatha Orrico)