6
Mag

G7, MANCHESTER E L'ISIS.

 

 

*

Maggio 2017 - Trovo paradossale il comportamento e la tempistica delle cellule assassine dell'Isis, oltre che essere dei brutali criminali sono anche degli EMERITI IMBECILLI. Ogni qual volta c'è un vertice importante ecco che saltano fuori loro a distogliere l'attenzione, dandosi da soli la zappa sui piedi. Almeno smettessero di proclamarsi veri musulmani quando invece di musulmano non hanno niente.

 

Il vertice dei G7 a Taormina aveva in programma 30 pagine per discutere di una preziosa collaborazione italiana verso giovani imprenditori africani, volta a potenziare in loco l'economia del continente. Una delle poche proposte sagge che abbia sentito negli ultimi anni: ridurre l'assistenzialismo e promuovere l'industria per mano degli africani stessi, un contributo che diminuirebbe notevolmente anche l'immigrazione verso l'Europa. Ma è già stato annunciato che gran parte del vertice graviterà intorno alla vicenda di Manchester. Peccato, l'ennesima occasione persa per ristabilire quegli equilibri che avrebbero portato - forse - un pò di pace.

 

Mentre si piange la morte di ragazzini innocenti per mano di un vigliacco assassino vorrei ricordare anche le stragi di bambini nelle scuole americane. In Europa se il pazzo che uccide non è cristiano parliamo di terrorismo e mobilitiamo l'esercito, in America i pazzi cristiani sono semplicemente assassini e vengono imprigionati per il loro crimine.

 

BAMBINI UCCISI NELLE SCUOLE AMERICANE:

- Aprile 1999, Denver, 15 morti 24 feriti
- Marzo 2005, Red Lake, 10 morti 7 feriti
- Aprile 2007 Virginia, 33 morti 25 feriti
- Dicembre 2012, Newtown, 27 morti
- Giugno 2013, Santa Monica, 5 morti 10 feriti
- Maggio 2014, Santa Barbara, 6 morti 13 feriti
- Ottobre 2015, Oregon, 13 morti 20 feriti