13
Dic

PUBLIC ENEMY: RISCHIANO DI FAR SALTARE IL CONCERTO DI LONDRA MA VENGONO SALVATI DA UN FAN.

public-enemy

*

Londra dicembre 2015 - Una singolare avventura ha visto protagonisti pochi giorni fa gli statunitensi Public Enemy, ribattezzati dai loro fans semplicemente PE, promotori e capostipiti del genere hip hop. La band si trovava in tournée in Inghilterra per esibirsi come gruppo di apertura al blindatissimo concerto dei Prodigy alla Sheffield Arena. Chuck e compari decidono di combattere la noia per l'attesa del concerto trascorrendo un pomeriggio di svago in qualche negozio di dischi. Passando davanti ad uno store musicale i membri della band vengono riconosciuti da alcuni fans che li assalgono con richieste di selfie e autografi.

I Public Enemy, per non scontentare nessuno, si prestano generosamente al calore dei fans ma non si rendono conto del tempo che passa. E' a soli 45 minuti all'inizio del concerto che i Nostri si accorgono di essere terribilmente in ritardo e decidono di chiamare un taxi. Ma, ironia della sorte, pare che i taxi siano tutti impegnati a portare i turisti al concerto dei ...Public Enemy! A salvare capra e cavoli ecco spuntare tale Kevin Wells, un cliente del negozio nonchè fan della band, che offre un passaggio ai ritardatari.

Surreale, semplicemente surreale!” così ha commentato alle domande dei giornalisti Kevin Wells, descrivendo la corsa a rotta di collo verso l'Arena. "Mentre spingevo la mia Ford Focus come un pazzo facendo gincane tra i vicoli della città improvvisamente è partita alla radio ‘Bohemian Rhapsody’ dei Queen e gli Enemy hanno cominciato a cantare a squarciagola! Continuavo a guardare nello specchietto e non ci potevo credere: dietro avevo Flava Flav con i suoi occhiali da sole e il suo orologio d’oro che si divertiva da matti!”.

Ma l'avventura non finisce qui perchè una volta raggiunta l'Arena Wells si è visto bloccare dagli uomini della sicurezza. "Quando ho abbassato il finestrino per dire: fatemi passare sto portando i Public Enemy al concerto, sono scoppiati a ridermi in faccia! A quel punto Chuck è sceso e tutto è filato liscio, mi sono goduto lo spettacolo dal backstage. Peccato abbia dovuto scappare per andare a lavorare!". Già. Proprio surreale...

 

 

 

http://www.publicenemy.com/