11
Gen

SCARLETT JOHANSSON E PETE YORN - BREAK UP - 2009 Warner

 

 

scarlett-johansson-pete-yorn-i-dont-know-what-L-1

*

Break Up è un album del 2009 che ha fatto notizia - inutile negarlo - perché è stato il secondo lavoro discografico di Scarlett Johansson, una delle attrici più richieste di Hollywood, arrivato dopo il disco di cover di Tom Waits del 2008 che venne stroncato duramente da buona parte della critica internazionale.

Pete Yorn è un cantautore indie-folk che viene dal New Jersey, poco conosciuto in Italia, che arrivava fresco di successo del suo quarto disco "Back & Fourth".

Sicuramente non è semplice giudicare "Break Up" senza lasciarsi condizionare dai soliti luoghi comuni sull’attrice che vuole fare la cantante. E' un album che ha diviso, da un lato c'è stato chi - la maggior parte - si è affrettato a smontare il disco prima ancora che uscisse, dall'altro chi è corso a comprarlo senza avere la più pallida idea di cosa aspettarsi.

BN-BY925_mag041_OZ_20140318165119Break Up è un concept album di 9 brani, inclusa una cover ("I am the cosmos" dei Big Star Chris Bell), che ruotano attorno ad una storia d’amore giunta al capolinea.

Stilisticamente è un mix di indie, folk e classico pop americano, condito da chitarre, banjo, archi, arrangiamenti a tratti minimali e le voci di Yorn e Johansson che si amalgamano molto bene tra loro.

scarlett-johansson-pete-yorn-break-upScarlett canta con quel timbro roco e sensuale, vagamente indeciso, che è il suo carattere distintivo - e per alcuni il principale difetto - perfettamente in sintonia con il falsetto di Yorn. I brani sono tutti molto piacevoli e passano dal groove retrò ("Relator" ,"Wear And Tear"e "I Don't Know What To Do") alle atmosfere frizzanti di tono british ("Blackie's Dead", "Search Your Heart") a tracce più acustiche ("Shampoo", "Clean").

Approcciandosi al disco senza pregiudizi e ascoltandolo semplicemente per quello che è, cioè un buon prodotto pop, si può sicuramente apprezzare. D'altra parte, perchè mai avremmo dovuto aspettarci un capolavoro solo perchè a cantare è un'attrice?

(di Agatha Orrico)

*