11
Nov

SCUSA AFRICA.


**

 

Vorrei fare alcune considerazioni in merito al post precedente dove ho pubblicato immagini molto forti sul Congo, mi scuso per la lungaggine ma chi ha pazienza mi leggerà.
Anzitutto ringrazio chi ha condiviso e mi ha contattato in privato, pur non essendo nelle mie cerchie.
C'è chi ha scritto che bisogna dimenticare e andare avanti, parto da qui. CHI deve andare avanti?

 

Chi deve andare avanti sono gli africani, qualcuno tra loro mi ha scritto 'io perdono ma non dimentico'. Ho un rispetto enorme verso questo popolo cui è stato fatto di tutto e nonostante ciò riesce ancora a dare un valore alla parola perdono. Ho enorme stima verso queste persone che conservano una dignità tale da restare in silenzio, senza mai esporre opinioni gridate e urlate come saremmo abituati a fare noi. Siamo NOI, noi europei che non dobbiamo dimenticare, non loro (non mi piace il noi e loro, ma è per far capire).

 

Alzi la mano chi conosceva la storia infame di Leopoldo II, alzi la mano chi a scuola ha studiato nel dettaglio tali barbarie. E' tutto lì il punto. A scuola ci insegnano che la Shoah è stato il più grande genocidio di tutti i tempi, non ci sarà mai possibile dimenticarlo, grazie a commemorazioni, dibattiti, incontri e letture continue. Lì pare che tutti siamo d'accordo nel dire che non bisogna dimenticare. Ma quando si tratta di Africa le cose cambiano, come mai? Perchè parlarne significherebbe dover ammettere delle colpe, colpe talmente grandi che preferiamo nasconderle in un angolino del nostro cervello e lasciarle lì. La questione è che lo sfruttamento non è finito mai, il colonialismo è finito solo sulla carta! L'Africa è ancora in mano all'Europa e all'America, tutti i conflitti attuali non sono che la conseguenza di una politica costante di sfruttamento e sottomissione. Leader dittatoriali messi al potere e sovvenzionati da NOI, laddove in questi anni ci sono stati leader africani che hanno tentato di riappropriarsi della leadership dei propri paesi sono stati uccisi. UCCISI. Inutile mandare gli sms di 2€ quando ci mostrano il bambino denutrito se non ci si domanda CHI l'ha denutrito quel bambino.
Trovo assurdo versare lacrime guardando le foto di bambini con le mani mozzate e restare poi impassibili di fronte alle donne nigeriane arrivate pochi giorni fa in Italia che mostravano corpi martoriati, bruciati, violati. Che differenza c'è tra quelle cui venivano tagliate le mammelle 100 anni fa e queste? Sta accadendo ORA e ancora. Certo, non per mano diretta dei belgi, o dei francesi, o degli italiani, perché questi non sono tanto stupidi come Leopoldo II che faceva immortalare le sue nefandezze. Ma chi finanzia questi governi, chi fornisce le armi, chi stringe la mano a questi dittatori? Una delle ditte più fiorenti in Italia è la Beretta, che rifornisce l'Africa di armi, anche se non sarebbe legale, ma il cavillo si trova sempre basta mostrare i bigliettoni. In Africa non esistono aziende di armi
L'esodo che è attualmente in corso non è che la continuazione di ciò che gli occidentali hanno fatto per centinaia di anni ad un continente che prima dell'avvento del colonialismo viveva bene, un continente che ha sviluppato cultura ancor prima che arrivasse qui da noi, penso al regno degli Egizi, a quello del Mali ecc, ricordiamoci che LA CIVILTA' di cui tanto ci piace riempirci la bocca arriva da lì!
Andare in un posto e imporgli un'altra lingua, cambiarne i confini rendendo gli uni nemici degli altri, sfruttarne ogni ricchezza lasciando fame e povertà, imporre perfino un'altra religione.....che cosa provoca? Bisogna togliere le mani dall'Africa, lasciare che siano gli africani a governarsi, a poter usare le proprie infinite ricchezze, solo così le cose cambierebbero. Cambierebbero per loro, che non avrebbero più alcun bisogno di scappare per venire qui a farsi denigrare da noialtri. E cambierebbero per noi che sicuramente non vivremmo più così agiatamente, senza la gallina dalle uova d'oro da spremere, ecco il motivo per cui tutto viene lasciato com'è: e ci va molto bene così credetemi.

 

Noi europei, cristiani, bianchi, chiamiamoci come vogliamo, queste cose non le conosciamo neppure, non ci interessa guardare dietro alla facciata, noi non cerchiamo la VERITA', eppure siamo molto bravi nel giudicare e nel sentirci ancora oggi SUPERIORI, quando mi pare lampante che sia esattamente il contrario perché è proprio per come affrontano la questione che gli africani dimostrano la loro superiorità rispetto a noi.
Credo che l'unico strumento per progredire in questo mondo deturpato sia la conoscenza, l'informazione, NOI dobbiamo conoscere la storia. E' l'unica salvezza che ci resta, il sapere da trasmettere ai nostri figli ed è l'unica cosa che possiamo fare se vogliamo davvero chiedere scusa all'Africa per ciò che le abbiamo fatto.

 

+

leggi cosa hanno fatto gli europei in Congo

http://stayrockforever.it/congo-la-storia-ci-punira/